NONOSTANTE TUTTO, LA CENTRALE APRE ....








"Lo si sapeva, ma l’atto conclusivo di questa storia è il regalo peggiore che la città di Anzio potesse ricevere. Nei giorni scorsi è stato infatti eseguito il collaudo della nuova centrale biogas nella zona industriale di Padiglione. Il collaudo è stato ratificato dalla Regione Lazio e dai funzionari dell’ufficio tecnico del comune di Anzio che hanno verificato la correttezza degli adempimenti previsti dalla normativa per la realizzazione della centrale.
 Va ricordato che l’impianto è stato realizzato a poche centinaia di metri da una scuola e a ridosso delle abitazioni. E proprio i contraccolpi dovuti all’impatto ambientale per mesi sono stati al centro di feroci polemiche che hanno coinvolto lo stesso comune che sotto la gestione Bruschini non solo nulla ha fatto per impedire la realizzazione della centrale, ma ha addirittura rilasciato parere favorevole.
 La nuova centrale biogas che sarà operativa da gennaio potrà trattare fino 65 mila tonnellate di rifiuti organici l’anno, mentre Anzio ne produce poco meno di 20 mila l’anno. E’ quindi del tutto evidente che la nuova centrale biogas di Anzio tratterà anche rifiuti organici provenienti da altri comuni della provincia di Roma. Insomma Anzio rischia di diventare la pattumiera del Lazio.
 Per fortuna che nei mesi scorsi prima la Regione Lazio e poi Città Metropolitana hanno dato parere negativo definitivo per la realizzazione di un’altra centrale biogas sempre nella zona di Padiglione"
fonte





Nessun commento:

Posta un commento

POSTS

CENTRALE BIOGAS: SI PUÒ' ANCORA FERMARE

                                                              FERMARLA SI PUÒ Spesso le   piccole e grandi violenze dell’amb...